Peculiarità delle resine decorative Kromax

La resina rappresenta oggi un' alternativa ai classici pavimenti in piastrelle o legno. Quando si sceglie di adottare una pavimentazione in resina per il propio immobile bisogna tener presente che oltre a fattori estetici esistono una serie di vantaggi e di possibilità nell'utilizzo come ad esempio:

  • Possono essere applicate direttamente su piastrelle, cemento, legno e cartongesso;
  • Si evitano fastidiose demolizioni e il conseguente smaltimento di materiali da risulta con riduzione dei costi;
  • Lo spessore è di 2-3 mm, non si è quindi costretti a smontare e/o rettificare elementi come porte, igienici, etc.;
  • Gli effetti e i colori sono personalizzabili;
  • La superficie è monolitica, priva di fughe ed è totalmente impermeabile.

Spatolato effetto cemento

Resina spatolata

L'effetto più diffuso e più elegante che si può ottenere con la resina è senz'altro quello spatolato. Dopo aver perparato il fondo con il rasante per piastrelle Ceratex plus si applica la resina decorativa liscia effetto spatolato Dekormax in una o due mani utilizzando una spatola di acciaio oppure di plastica. Infine si prosegue con una leggera carteggiatura, se necessario, per poi applicare due mani a rullo di resina ad acqua trasparente Floortex Hydro.

Resina effetto nuvolato

Decorare con effetto velante il rivestimeno in resina

Se si vuole rendere l'aspetto della resina più rustico, si può applicare una o più mani a spennellate incrociate o a tampone di Akuaflat effetto velante in un colore semicoprente più scuro del fondo prima di stendere le mani finali di trasparente a rullo.


Colata trasparente

Resina autolivellante trasparente

Il nostro Floortex Glass anche se tecnicamente è un prodotto senza solventi, in realtà è l'unico tra le resine decorative Kromax che non è una resina ad acqua, può essere utilizzato solo a pavimento non a parete e per l'applicazione necessita di una mano esperta. Si possono ottenere ottenere le finiture più stravaganti con inglobaggi di stampe e/o oggetti di varia natura oltre che giocare con glitter e polveri colorate, ma bisogna anche dire che è un sistema molto costoso rispetto ad altri.

Top cucina

impiego di resina per mobili ed elementi di arredo

Anche un elemento come un Top cucina in MDF può essere rivestito e personalizzato con il sistema decorativo in resina Kromax, in questo caso però bisogna essere consapevoli che le resine sono sensibili al calore intenso che può danneggiarle, inoltre non possono avere la resistenza meccanica di altri materiali come ad esempio Graniti, marmi etc. Un piano di appoggio in un bagno, invece può essere una scelta meno impegnativa perchè meno sollecitato.


Parete attrezzata resinata

Resina su cartongesso

Molti operatori professionisti riescono a creare eccellenti opere in cartongesso su misura. La decorazione con i prodotti resinosi ad acqua Kromax può rivelarsi la scelta giusta se si vuole ottenere un livello di personalizzazione unico.


Catteristiche delle pavimentazioni in resina

Le caratteristiche chimico fisiche sono diverse da quelle delle una piastrelle, queste ultime infatti vengono prodotte mediante lavorazioni ad alta temperatura. I polimeri sintetici dei pavimenti in resina invece induriscono "a freddo" e la loro resistenza chimico fisica si avvicina a quella dei pavimenti in legno verniciato come ad esempio il Parquet tradizionale.


Precauzioni importanti

La superficie del Pavimento in resina è resistente ma può subire graffi e solchi quando viene sollecitata da elementi aggressivi ed appuntiti. Consigliamo quindi di munire di appositi feltrini i piedi delle sedie dei tavoli e degli arredi potenzialmente dannosi. In casi particolari, come nel caso delle sedie con le rotelle dietro le scrivanie, esistono i "tappeti trasparenti" che si possono acquistare ed applicare a protezione della resina. Un altro fattore fondamentale da controllare è l'eventuale presenza di umidità eventualmente presente nel substrato prima di applicare la resina servendosi di appositi strumenti come l'Igrometro e laTermocamera. Le cause possono essere perdite o infiltrazioni d'acqua, condensa e umidità da risalita, quest'ultima è spesso presente quando il pavimento da resinare si trova a livello del terreno o sotto il livello di quest'ultimo come per esempio in cantine o garages e non è stato eseguito nessun tipo di vespaio o altra forma di isolamento sotto al massetto. In tale condizione la resina è destinata a scrostarsi perchè sottoposta alla spinta idrostatica causata dall'umidità.


Pulizia e manutenzione

Consigliamo di eseguire il lavaggio e la manutenzione dei pavimenti resinosi con gli stessi detergenti che si usano per il Parquet compreso i prodotti specifici a base di cera che periodicamente si stendono per proteggere e ravvivare. Per quanto possa aver subito una usura più o meno intensa, per far tornare come nuovo un pavimento in resina è sufficiente una lucidatura mediante lieve carteggiatura superficiale seguita da una o due mani a rullo di vernice trasparente. Un appartameto privato che deve sopportare traffico "domestico", in genere può mantenersi in buono stato per oltre 10 anni prima che sia necessario intervenire per rinnovarlo. Per strutture commerciali e ambienti molto trafficati, invece, il tempo previsto per il ripristino sarà inferiore proporzionalmente al grado di usura che riceverà.


Abbiamo cercato di essere più esaustivi possibile ma se hai domande da fare non esitare dal contattarci.